Variant Stream

Ricchezza e sequela

Il testo di Matteo (19, 16-30) è articolato in tre parti: nella  prima abbiamo l'episodio del giovane ricco, nella seconda un  ammonimento di Gesù ai discepoli sulla ricchezza, nella terza  una promessa. Il giovane chiede che cosa deve fare per possedere  la vita eterna, e Gesù risponde citando i comandamenti. Alla do-  manda: Che cosa mi manca ancora? Gesù risponde introducendo  l'argomento della perfezione che include due condizioni: dare ai  poveri tutto e seguire Gesù. Egli non parla di una perfezione ri-  servata ad alcuni e attuata nella povertà totale. L'essere perfetto  consiste nell’attuare il comandamento dell’amore in modo  illimitato e incondizionato, come lo esercita Dio stesso, e come lo  ha rivelato Gesù. Perciò quando Gesù chiede al giovane ricco di  dare tutto ai poveri e di seguirlo, presenta la condizione in cui è  possibile comprendere e adempiere il comandamento. 

Gesù ammonisce: è difficile per un uomo attaccato alle sue  ricchezze entrare nella vita eterna, anzi è impossibile. Ai discepoli  stupiti, egli aggiunge: A Dio, tuttavia, niente è impossibile.  Alla domanda dell’apostolo Pietro, Gesù risponde che ai di-  scepoli che hanno lasciato tutto per seguirlo sarà dato il centuplo  di tutto nella vita presente e la vita eterna futura. 

Gesù dice che perché la potenza di Dio si attui è necessaria la fede.  La domanda del discepolo: "se lascio tutto che cosa avrò" è  dettata dalla paura la quale fa vedere la sequela come un prezzo  troppo alto da pagare. La risposta di Cristo è inaspettata e come  sempre profonda. Non è una risposta ingenua, detta in un  momento di ottimismo. Infatti, Gesù precisa subito: insieme a  persecuzioni. Tuttavia la sequela non è povertà ma ricchezza,  non è perdita ma guadagno. Il distacco di cui parla Gesù è un di-  stacco dalla vita precedente, dal possesso, dal modo stesso di  concepire Dio, ma non è rinuncia alla fraternità, alla comunità.  Anzi è proprio nella comunità cristiana che si ottiene il centuplo  come premio nella vita presente, in essa troviamo i fratelli e le  sorelle che formano la nuova famiglia di Gesù.