Variant Stream

Gesù circonciso e presentato al tempio

"Quando furono passati gli otto giorni prescritti per la circon-  cisione gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima di essere concepito nel grembo della madre. Quando venne  il tempo della loro purificazione secondo la legge di Mosè, portarono  il bambino a Gerusalemme per offrirlo al Signore, come è scritto  nella Legge del Signore: Ogni maschio primogenito sarà sacro al  Signore, e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o di giovani  colombi, come prescrive la Legge del Signore" (Luca 2, 21-24).  San Luca con uno stile conciso in un solo versetto, racconta  la circoncisione del bambino, ora figlio di Abramo, sotto la legge  di Mosè. 

Il suo nome è Gesù, come aveva suggerito l'angelo. Il bambino  ora è in primo piano. 

Il rito della purificazione è prescritto dalla legge: dopo 40 giorni  (80 nel caso di una bambina) di impurità legale, trascorsi in casa,  senza poter salire al tempio, la madre vi si reca per offrire un agnello  in olocausto e un piccione o una tortora in espiazione. Non potendo  pagare un agnello, erano sufficienti due piccioni o due tortore.  Nel testo di Luca, al versetto 22, è scritto: "quando venne il  tempo della loro purificazione", ma il padre non era tenuto ad  alcuna purificazione, quindi si riferisce a Maria e Gesù.  Luca associa alla purificazione della madre il riscatto del  figlio. Quel riscatto sarebbe avvenuto in pienezza il giorno della  sua morte sacrificale, sulla croce. 

Il rito della presentazione del primogenito maschio al Signore,  nel tempio di Gerusalemme, è prescritto anche nel libro dell'Esodo,  al capitolo 13. 

Gesù bambino viene introdotto alla presenza del Signore. Dio si incontra non tanto nel tempio di Gerusalemme, ma nel  neonato bambino, Gesù Cristo Signore. 

Qualcuno potrebbe obiettare che Gesù e Maria non avevano  alcun bisogno di purificazione essendo Gesù il Figlio di Dio e di  una madre vergine e avendolo lei partorito mantenendo intatta  la sua verginità fisica. Qui si deve ricordare quello che Gesù ha  fatto e detto a Giovanni Battista, quando ha voluto farsi battezzare  da lui: "Occorre compiere ogni giustizia". Gesù pure rimanendo  Dio si è fatto in tutto simile a noi, fuorché nel peccato.